Mancanza di denti: protesi mobile o impianto?

Mancanza di denti: protesi mobile o impianto?

È risaputo che la mancanza di uno o più denti generi un sentimento di disagio sociale e psicologico nelle persone, che spesso si sentono sfigurate e limitate nel sorridere e nel parlare. I casi di edentulia (parziale o totale mancanza dei denti) hanno conseguenze importanti soprattutto sulla salute.
Possono compromettere la pronuncia e la masticazione, causare problemi di postura e lo spostamento dei denti sani, alterare tratti del viso e provocare infezioni e dolori.

Come sostituire i denti mancanti?

Una delle domande che più spesso ci rivolgono i nostri pazienti è quale sia la soluzione ideale per sostituire denti mancanti o compromessi in maniera irreversibile. È chiaro che non esiste una risposta univoca per tutti. I trattamenti odontoiatrici, primi fra tutte le riabilitazioni per edentulia parziale o totale, vengono personalizzati esaminando a fondo la condizione clinica del paziente affinché sia assicurato un risultato predicibile e duraturo. In questo articolo mettiamo a confronto l’installazione di protesi mobili agli interventi di implantologia. C’è motivo di preferire l’una all’altra soluzione?

Cosa sono le protesi dentali mobili?

Le protesi dentali sono dispositivi rimovibili che permettono di sostituire i denti naturali con quelli artificiali.
Esistono protesi mobili parziali o totali: le prime vengono ancorate ai denti residui tramite dei ganci a filo in acciaio, mentre le seconde (comunemente dette “dentiere”) vanno a sostituire i denti di un’intera arcata quando questa ne rimane completamente sprovvista.
Quest’ultimo tipo di protesi ad appoggio mucoso vengono appoggiate unicamente alle gengive, dato che non esistono elementi dentali a cui possa agganciarsi.

Perché scegliere le protesi mobili?

Le protesi mobili presentano diversi vantaggi. Nello specifico:

  • Facilità di pulizia e manutenzione: essendo estraibili, queste protesi possono essere disinfettate durante la notte, grazie all’utilizzo di specifici prodotti
  • Economicità: le protesi sono certamente più accessibili economicamente rispetto agli impianti
  • Minore invasività dell’intervento: l’applicazione delle protesi non necessita di un intervento chirurgico. Il dentista prenderà l’impronta dei denti del paziente per riprodurre fedelmente le sue arcate dentarie.
  • Le protesi mobili non presentano controindicazioni per pazienti affetti da cardiopatia, problemi di coagulazione, diabete non controllato o in coloro che assumono farmaci bifosfonati

Quali sono gli svantaggi?

  • le protesi dopo alcuni anni di utilizzo (idealmente dai 5 agli 8) vanno sostituite
  • possono verificarsi fastidi dovuti alla pressione esercitata dal dispositivo sulle superfici a cui aderisce.
  • la mascella e le linee gengivali cambiano nel tempo, perciò non è inusuale che le protesi debbano essere modificate in base a questi cambiamenti
  • se instabile, la protesi può causare diverse problematiche a livello masticatorio e fonatorio.

Cosa sono gli impianti dentali?

Un impianto dentale non è altro che una vite in titanio che viene inserita nell’osso mascellare
durante un intervento chirurgico. Costituisce a tutti gli effetti la nuova radice artificiale su cui ricostruire la corona del nuovo dente o da utilizzare come pilastro per ancorare protesi più complesse (che sostituiscano in modo parziale o totale i denti di un’arcata).
Il titanio è un metallo con particolari proprietà che lo rendono perfettamente adatto allo scopo: è leggero, resistente e soprattutto biocompatibile.
Ciò significa che questo materiale non provoca reazioni allergiche o infiammatorie ai tessuti circostanti ma – anzi – attraverso il processo di guarigione, viene inglobato all’interno dell’osso.

Perché scegliere l’impianto dentale?

  • a differenza delle protesi mobili, gli impianti fissi mantengono inalterata l’integrità e la struttura anatomica ed estetica del viso, della bocca e della mascella, compromessa dalla perdita o estrazione dei denti.
  • l’impianto non provoca irritazioni o disturbi da sfregamento alle gengive, come può capitare invece con le protesi mobili
  • Il fallimento di un impianto non impedisce al paziente di sottoporsi ad un nuovo intervento a distanza di qualche mese (previa guarigione del sito implantare) ed inserire un nuovo impianto

Esistono degli svantaggi?

  • Il prezzo dell’impianto è più alto rispetto a quello di una protesi mobile: l’intervento e le fasi preparatorie sono molto più complesse e richiedono il coinvolgimento di figure esperte
  • I tempi di guarigione e di preparazione all’intervento sono più lunghi. Post intervento, poi, è necessario monitorare la salute della bocca del paziente e dell’impianto con visite periodiche.
  • Non tutti i pazienti possono optare per l’impianto: non sempre lo stato di salute della persona è idoneo alla soluzione chirurgica. Un esempio, di cui abbiamo parlato qui sono i pazienti affetti da diabete non controllato.

Quindi, quale soluzione è la migliore? Protesi mobile o impianto?

Le soluzioni presentano validi punti a favore, ma rimane il fatto che, oltre alla valutazione dei pro e dei contro, è possibile stabilire quale sia la soluzione ideale solo dopo un’attenta valutazione del quadro clinico e dalle condizioni generali di salute della persona.
Entrare negli Studi Dentistici DENS significa affidarsi a specialisti ed esperti in Implantologia
Dentale che aiutano il paziente a riconquistare sicurezza, serenità e un nuovo sorriso a qualsiasi età.

Visita la nostra pagina Contatti cliccando qui e prenota una visita nello studio più vicino a te!

Dott. Marco De Angelis

Dott. Marco De Angelis

Condividi questa News!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Per info
e prenotazioni