Malocclusioni: cosa sono, cause e sintomi, cura

malocclusione

Le malocclusioni sono anomalie dell’occlusione dentale. Con occlusione dentale si intende il rapporto che le due arcate dentarie hanno quando la bocca è chiusa. In condizioni normali, le arcate dentarie si relazionano attraverso rapporti equilibrati e armonici permettendo di svolgere adeguatamente le funzioni masticatorie e fonetiche. In situazioni in cui questo rapporto armonico viene meno si è di fronte a una malocclusione, che può essere causa di disarmonia morfologica o funzionale.

Cause e sintomi

I fattori determinanti per le anomalie dell’occlusione dentale, le malocclusioni, possono essere diversi:

  • Ereditarietà: la malocclusione può essere ereditata dai genitori;
  • Abitudini viziate: cattive abitudini reiterate nel tempo come la suzione del pollice, utilizzo del ciuccio e del biberon dopo i 3 anni che possono causare una graduale sporgenza degli incisivi superiori;

Leggi il nostro articolo Abitudini viziate: come agire per correggerle.

  • Bruxismo: sfregamento e digrignamento dei denti durante la notte;
  • Mancanza di uno o più elementi dentali: in assenza di un dente, gli elementi adiacenti tendono a spostarsi mutando l’occlusione;
  • Presenza di denti fortemente scheggiati e non ricostruiti; 
  • Patologie come tumori alla mandibola, artrite reumatoide.

I sintomi dovuti alla malocclusione dipendono dall’entità della malocclusione stessa. Ovviamente, il primo apparato che ne risente è la bocca in quanto, possono sorgere problemi di:

  • masticazione;
  • respirazione;
  • fonazione;
  • deglutizione.

Inoltre, le malocclusioni possono essere considerate un fattore predisponente per le disfunzioni temporo-mandibolari.

Un altro aspetto su cui si ripercuote la malocclusione è l’estetica: il viso risulta asimmetrico e il sorriso poco armonico. Nei casi più gravi, si può assistere a difetti estetici particolarmente evidenti che possono causare problemi sociali e relazionali, soprattutto nei bambini.

Classificazione delle malocclusioni

È possibile classificare le tipologie di malocclusione in 3 classi:

  • Prima classe: è il caso in cui mandibola e mascella sono posizionate correttamente e i denti dell’arcata superiore coprono di poco quelli dell’arcata inferiore. Però può succedere che ci sia eccessivo spazio tra i denti o che questi siano ruotati o accavallati;
  • Seconda classe: indica il caso in cui l’arcata superiore copre in modo notevole l’arcata inferiore. In questo caso, è frequente la presenza di affollamento dentale, di spazio eccessivo tra i due incisivi superiori che tendono ad essere sporgenti e il mento risulta poco pronunciato;
  • Terza classe: conosciuta con il nome di morso inverso, è la condizione in cui i denti dell’arcata superiore chiudono dietro quelli dell’arcata inferiore, facendo risultare la mandibola sporgente. 

Altre anomalie che possono causare una malocclusione sono:

  • Morso profondo: quando gli incisivi superiori coprono più del dovuto gli incisivi infiori;
  • Morso aperto: i denti frontali delle due arcate non si toccano;
  • Morso crociato: alcuni denti dell’arcata superiore chiudono dietro i rispettivi dell’arcata inferiore;
  • Diastema: l’eccessivo spazio tra i denti. È molto diffuso quello tra gli incisivi superiori;
  • Palato stretto: che causa l’affollamento dentale.

Leggi anche Malocclusione dentale e problemi di postura, mal di testa, mal di schiena. Quali legami? 


Cura per le malocclusioni 

Le diverse forme di malocclusione non vengono curate tutte allo stesso modo, ogni caso è diverso. Quindi, la prima cosa fondamentale da fare è effettuare una visita dal proprio dentista per valutare il morso e l’occlusione. Una volta studiato il caso, il professionista fornirà la soluzione più adatta a risolvere quel particolare problema.

Generalmente, i casi di moderata gravità vengono trattati utilizzando un apparecchio mobile o fisso che esercitando una lieve forza continua sui denti, rimodellano gradualmente l’osso alveolare che li circonda. Per i casi più complessi il trattamento ortodontico da solo potrebbe non bastare; quindi, potrebbe rendersi necessario un affiancamento a una correzione chirurgica delle anomalie dei mascellari.

Prenota una visita oppure scegli lo Studio DENS più vicino a te e chiamaci per fissare un appuntamento!

Dott. Marco De Angelis

Dott. Marco De Angelis

Condividi questa News!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Per info
e prenotazioni