Come funziona lo sbiancamento dentale professionale

sbiancamento dentale professionale

 

Quando è possibile fare lo sbiancamento dentale

Lo sbiancamento dentale è un trattamento estetico che ha lo scopo di migliorare il colore dei denti. Sebbene negli ultimi tempi si parli molto di “trattamenti fai da te”, è bene precisare che lo sbiancamento deve essere effettuato presso studi dentistici specializzati, da parte di un dentista e con l’ausilio di mezzi professionali e specifici.

Ci si rivolge al proprio dentista per migliorare l’estetica del sorriso o risolvere situazioni come la presenza di macchie o di ingiallimento. Ma quali sono le cause di questi inestetismi? Il consumo di alimenti “macchianti” come caffè, the o vino rosso, l’invecchiamento fisiologico dei denti, l’uso eccessivo di fluoro e, infine, il consumo di tetracicline presenti in alcuni farmaci. Il trattamento sbiancante può essere eseguito su tutti i pazienti che non presentano carie, sensibilità dentale o patologie gravi. Inoltre, potrebbe non risultare possibile su denti devitalizzati o che hanno subito dei traumi. Per ogni dubbio è comunque necessario richiedere il parere del proprio dentista.

 

 

 

Prima dello sbiancamento: la detartrasi

Prima di procedere con il trattamento di sbiancamento dentale professionale, bisogna eseguire un’accurata detartrasi, ovvero, la pulizia dentale. Essa è funzionale alla rimozione di un’eventuale presenza di tartaro, placca o di pigmentazioni esterne. Viene eseguita da igienisti specializzati ed è fondamentale per mantenere i denti in salute, proteggendoli dalle carie o da altre malattie dentali e gengivali, come piorrea e gengiviti. Una volta effettuata un’adeguata pulizia, è possibile procedere con lo sbiancamento dei denti. 

 

 

 

 

 

Sbiancamento dentale professionale: Bleaching o trattamento laser

Una delle tecniche professionali maggiormente utilizzate per lo sbiancamento è il bleaching, detta anche “sbiancamento dei denti alla poltrona”.  Ogni 6-12 mesi è infatti possibile rivolgersi al proprio dentista per effettuare questo trattamento che sfrutta l’azione di agenti sbiancanti chimici ad alta concentrazione. I mezzi sbiancanti più utilizzati in ambito professionale sono il gel a base di perossido di idrogeno (al 38%) e di perossido di carbammide (al 45%).
Il primo viene applicato direttamente sulla superficie dentale in 2-4 applicazioni da 15 minuti, da suddividere in una o più sedute.
Il secondo gel, invece, entra in contatto con la superficie dentale tramite delle apposite mascherine personalizzate, lasciate in posa per 30 minuti.

Un’altra delle tecniche professionali maggiormente impiegate consiste nel ricorso al trattamento laser. In questo caso, l’azione degli agenti sbiancanti viene potenziata tramite l’utilizzo di sorgenti luminose. Il perossido d’idrogeno, per esempio, una volta applicato sui denti, viene irradiato con un laser che sfrutta una precisa lunghezza d’onda. Questo fa sì che il gel venga attivato dal calore dell’irradiazione e rilasci radicali liberi. Questi ultimi sono responsabili delle reazioni di ossidoriduzioni che avvengono all’interno dei denti e che scomponendo le molecole delle macchie, le rendono più facilmente eliminabili.

Sia dopo il bleaching che il trattamento laser, è vivamente consigliato di non fumare né di bere caffè o bevande con alle base coloranti, per almeno i 3-4 giorni successi. In questo frangente, è inoltre necessario pulire i denti molto spesso.

In generale, lo sbiancamento dentale professionale non rovina lo smalto dei denti, né si può ritenere un trattamento doloroso. Alcuni pazienti, soprattutto nelle successive 48/72 ore dal trattamento, lamentano una maggiore sensibilità dentale, un fenomeno comunque molto passeggero e che non implica alcuna conseguenza negativa per i denti.

Prima di eseguire il trattamento, gli specialisti consigliano di informarsi e sottoporsi a un controllo accurato, in quanto il quadro clinico di ogni soggetto è diverso e va valutato in tutti i suoi aspetti.

 

 

Dott. Marco De Angelis

Dott. Marco De Angelis

Condividi questa News!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Per info
e prenotazioni