Sbiancamento dentale consigli

Ortodonzia Milano

Sbiancamento dentale: di cosa si tratta?

Negli ultimi anni è notevolmente aumentata la frequenza dei pazienti che vorrebbero migliorare l’estetica del proprio sorriso, nonché la colorazione naturale dei denti, correggendone le discromie in modo semplice, non invasivo, e senza causare alterazioni dello smalto.

Una delle richieste più frequenti è relativa all’impiego di un trattamento semplice, molto efficace e comodo da utilizzare ma, vista la presenza di diverse tecniche di sbiancamento, è sempre consigliato rivolgersi ad un professionista dello studio, per personalizzare la scelta in base al caso clinico e alle esigenze.

Indicazioni: come e quando si può eseguire?

Per poterlo effettuare è necessaria la presenza di una buona e corretta salute ed igiene orale, di gengive sane e non sanguinanti; può essere effettuato sia su denti vitali, sia su denti devitalizzati. In quest’ultimo caso, tuttavia, la procedura è leggermente più complessa e richiede la presenza dell’odontoiatra.
Lo sbiancamento può essere consigliato anche a coloro che presentano sensibilità dentale, previo però il trattamento desensibilizzante in studio e domiciliare.
Si ricorda infine che non può essere eseguito su protesi fisse, ma solo su denti naturali e che non modifica il colore della radice del dente, qualora questa fosse esposta.

Sbiancamento professionale o domiciliare?

Gli sbiancamenti si possono dividere in due grandi categorie:

Professionale: è quello che viene attuato dall’igienista dentale presso lo studio dentistico, attraverso l’uso di un gel a base di perossido di idrogeno o di carbamide, in una percentuale variabile a seconda del caso (solitamente dal 35% e 40%). Per un risultato ottimale potranno essere effettuate fino a 3 sedute a distanza di una settimana l’una dall’altra, della durata di un’ora ciascuna.

Domiciliare: può essere eseguito comodamente a casa ma rende necessario comunque un passaggio dallo studio prima di iniziare il trattamento, volto a fornire il materiale necessario e le indicazioni per un utilizzo corretto e sicuro. Il prodotto è un gel a base di perossido di carbamide al 10% o al 16% che viene posizionato in apposite mascherine fatte su misura, simili ad un bite, allo scopo di contenerlo e porlo a contatto con lo smalto del dente. Questa tecnica consente di incrementare l’azione sbiancante riducendo i tempi di applicazione e la disidratazione degli elementi dentali (contiene un’ elevata percentuale di acqua), e di garantire importanti risultati visibili già dalla prima applicazione.

E’ importante precisare che l’esito finale è diverso da individuo ad individuo, a causa delle caratteristiche intrinseche e strutturali dello smalto, che influenzano la risposta a questo tipo di trattamento.
In media, un trattamento professionale correttamente eseguito porta ad un effetto che dura almeno 6/8 mesi, mentre quello domiciliare può arrivare fino a 12/15 mesi.

Il nostro consiglio DENS:

Spesso l’attenzione di molti si focalizza sul metodo “fai da te”, attraverso l’utilizzo di dentifrici sbiancanti, bicarbonato, limone, salvia, coca cola e atri prodotti. Il web suggerisce infatti molte soluzioni che appaiono efficaci, semplici, veloci ed apparentemente senza rischi. È tuttavia importante sottolineare che queste procedure sono rischiose per lo smalto, creando delle vere e proprie abrasioni (non visibili da subito), alterandone l’ integrità e la struttura, indebolendolo e rendendolo più fragile.
Lo staff di DENS saprà darti in ogni momento le migliori indicazioni per poter eseguire in tutta tranquillità e sicurezza il tuo sbiancamento dentale.
Rivolgiti sempre a dei professionisti, perché questo è ciò che può fare la differenza!

Dott. Luca De Blasi

Dott. Marco De Angelis

Dott. Marco De Angelis

Condividi questa News!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Per info
e prenotazioni