Ipersensibilità dentale: scopri sintomi, cause e rimedi

ipersensibilità dentale

L’ipersensibilità dentale o denti sensibili è un disturbo a livello del cavo orale molto comune. Può colpire pazienti di qualsiasi età, ma è maggiormente diffusa nella popolazione tra i 20 e i 40 anni. Chi ne soffre avverte un fastidio o dolore quando i denti vengono esposti a uno stimolo esterno come, ad esempio, lo spazzolamento o il contatto con alimenti e cibi caldi o freddi.

I sintomi e le cause dell’ ipersensibilità dentale

L’ipersensibilità dentale si manifesta con un dolore acuto e intenso, difficilmente localizzabile, su uno o più denti quando vengono esposti ad alcuni stimoli esterni, come ad esempio:

  • Il consumo di alimenti molto freddi, molto caldi o acidi;
  • Errato spazzolamento dei denti;
  • La masticazione.

La causa di questa problematica è l’esposizione della dentina all’ambiente esterno. La dentina è la parte più molle del dente, compresa tra la polpa e lo smalto, contenente terminazioni nervose.

L’ipersensibilità dentale può essere causata anche da altri fattori come:

  • Recessione gengivale: il dente risulta esposto a causa del ritiro della gengiva. Può essere causata da un’infiammazione o da uno scorretto spazzolamento dei denti;
  • Bruxismo: digrignamento o sfregamento dei denti che avviene, solitamente mentre si dorme, in maniera involontaria da chi soffre di ansia e provoca delle abrasioni allo smalto dei denti;
  • Erosione del tessuto dentale: dovuta al consumo eccessivo di alimenti acidi come agrumi, succhi di frutta, yogurt e bibite gassate;
  • Gravidanza: a causa dello sbalzo di ormoni e difese immunitarie durante il periodo di gestazione;
  • Altre patologie come carie, gengivite e pulpite.

I rimedi e la cura per l’ipersensibilità dentale

In caso di alterata sensibilità ai denti è opportuno consultare il proprio dentista che potrà individuarne le cause e accertare l’assenza di eventuali patologie più gravi.
È anche importante ricordare che trascurare un dente sensibile potrebbe causare altri problemi di salute orale. Per esempio, il dolore potrebbe indurre a uno spazzolamento più debole dei denti che potrebbe provocare carie e gengivite.

Il trattamento dell’ipersensibilità dentale dipende dalla sua gravità e diffusione. La terapia professionale prevede il sigillo dei tubuli dentinali, mediante l’utilizzo di principi attivi come:

  • Fluoruro di sodio o stannoso in gel da applicare sulla zona sensibile;
  • Nitrato di potassio in gel;
  • Fosfato di calcio e idrossido di calcio;
  • Idrossinanoapatite;
  • Laser.

Mentre, le terapie domiciliari prevedono l’utilizzo di dentifrici e collutori specifici per denti sensibili, attenendosi ad alcune regole:

  •  Avere una corretta igiene orale, utilizzando il filo interdentale e una corretta tecnica di spazzolamento;
  • Usare uno spazzolino con setole più morbide, adatto ai denti sensibili;
  • Utilizzare dentifricio e collutorio a base di fluoro per aiutare a ridare integrità allo smalto.

Ovviamente, per evitare di soffrire di ipersensibilità dentale, è di fondamentale importanza la prevenzione. Di fatto, l’osservanza di semplici comportamenti può evitare la comparsa o l’aggravarsi del disturbo.

Queste sono le buone abitudini per prevenirla:

  • Mantenere quanto più possibile la bocca sana tramite una buona igiene orale quotidiana per aiutare a prevenire la recessione gengivale o la gengivite;
  • Spazzolare i denti utilizzando la tecnica corretta (movimento verticale per entrambi i lati delle arcate), facendosi consigliare dal proprio dentista il tipo di spazzolino e dentifricio da usare;
  • Evitare un consumo eccessivo di cibi e bevande acide;
  • Lavare i denti dopo almeno mezz’ora dal pasto per evitare l’azione degli acidi contenuti negli alimenti;
  • Cambiare lo spazzolino manuale o la testina dello spazzolino elettrico ogni 3 mesi;
  • Farsi controllare periodicamente dal proprio dentista per individuare i fattori che possono causare il bruxismo e parodontite;
  • Evitare l’assunzione eccessiva di alcolici e fumo.

Hai anche tu questo problema? Prenota una visita oppure scegli lo Studio DENS più vicino a te e chiamaci per fissare un appuntamento!

Dott. Marco De Angelis

Dott. Marco De Angelis

Condividi questa News!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Per info
e prenotazioni