Eruzione dentaria: cos’è e cosa significa? 

Eruzione Dentaria

Il termine eruzione dentaria indica la dentizione, ovvero il processo di comparsa dei denti all’interno del cavo orale attraverso le gengive. Nel corso della nostra vita, siamo coinvolti in due tipi di dentizioni: quella decidua, comunemente chiamata “da latte”, e quella permanente.

La prima eruzione dentaria: dentizione decidua

Nonostante i primi denti da latte spuntino intorno al sesto mese di vita, la loro formazione inizia già durante la gravidanza. I tempi di comparsa dei denti da latte dipendono da bambino a bambino.

Solitamente, i primi dentini compaiono tra i sei e i nove mesi di vita. Il completamento della dentizione decidua, generalmente, avviene intorno ai tre anni. Ci sono, poi, bimbi precoci il cui primo dente spunta già a quattro mesi e altri in cui il primo dentino compare anche ad un anno o più. Questo, però, non deve preoccupare i genitori: è tutto normale.

I primi dentini a spuntare sono gli incisivi inferiori, seguiti da quelli superiori. Successivamente, intorno ai 10-16 mesi di vita, iniziano ad erompere i primi molari, poi i canini ed infine i secondi molari. Il tempo che intercorre tra l’eruzione di un gruppo di denti all’altro è, generalmente, di 6 mesi.

Questo fa sì che il bambino abbia 20 elementi dentali, disposti in numero di 10 per ogni arcata, intorno all’età di due anni e mezzo.

I sintomi dell’eruzione dei denti da latte

L’eruzione dei denti da latte può causare una serie di sintomi nel bambino:

  • Infiammazione e gonfiore delle gengive: provocate dalla pressione esercitata dal dentino sulle gengive per emergere;
  • Aumento della salivazione: è una difesa naturale che aiuta ad alleviare il fastidio provocato dell’infiammazione e a pulire e lubrificare le gengive;
  • Gengive arrossate e dolenti: il fastidio aumenta soprattutto durante le ore notturne;
  • Irritabilità con conseguenti disturbi del sonno;
  • Tendenza a mordere o a sfregare le gengive: aiuta il bambino a trovare sollievo ed a ridurre il senso di fastidio;
  • Diminuzione dell’appetito: il cibo, soprattutto se caldo, aumenta l’irritazione delle mucose.

A volte, può succedere che si formino dei rigonfiamenti bluastri sulle gengive in corrispondenza dei denti: non c’è da preoccuparsi, sono cisti da eruzione che scompaiono con la completa eruzione del dentino.

Per alleviare il fastidio da eruzione dentaria, è consigliabile dare al bambino degli oggetti duri o freddi da mordere. Per esempio, esistono in commercio dei biscotti pensati per la fase di dentizione e dei giocattoli che possono essere raffreddati in freezer o in frigorifero per dare sollievo al bambino. Inoltre, può essere utile massaggiare le gengive del bambino con un dito o con un cucchiaino freddo.

Nei casi più gravi, potrebbe essere utile intervenire con dei farmaci e medicinali specifici come paracetamolo o ibuprofene, ma solo dopo aver consultato il pediatra o odontoiatra.

La seconda eruzione dentaria: la dentizione permanente

Al periodo di dentizione decidua, che va dai due ai sette anni di età, segue la “fase mista” che dura fino all’età di 12 anni. Durante la fase mista, nel cavo orale del bambino sono presenti sia i denti da latte che quelli permanenti. Tra le due tipologie di denti ci potrebbero essere delle differenze di colore che dipendono dalla diversa composizione dei tessuti dentari. Quindi, non c’è da preoccuparsi se i denti permanenti risultano più gialli di quelli da latte. Inoltre, i denti permanenti si differenziano da quelli decidui per la loro minore rotondità e per la grandezza.

La comparsa dei primi denti permanenti avviene intorno ai sei anni, con l’eruzione degli incisivi inferiori e superiori e la perdita dei corrispettivi denti da latte. Gli incisivi appena erotti possono avere il bordo seghettato che si appiattirà con il passare del tempo. Durante lo stesso periodo erompono i molari permanenti senza sostituire nessun dente deciduo. I molari decidui, invece, verranno sostituiti dai premolari.

La dentatura permanente, composta da 28 elementi, sarà completa intorno ai 13 anni. Fanno eccezione i terzi molari, i cosiddetti denti del giudizio, che possono erompere intorno ai 18-22 anni di età.

È bene curare i denti sia da latte che permanenti, prenota una visita oppure scegli lo Studio DENS più vicino a te e chiamaci per fissare un appuntamento!

Dott. Marco De Angelis

Dott. Marco De Angelis

Condividi questa News!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Per info
e prenotazioni