Carie, cosa sono e come si trattano

Cosa sono le carie

 

Carie, cosa sono e come si trattano

La salute della bocca può dipendere da diversi fattori, tra questi sicuramente lo stile di vita che conduciamo. Alcune patologie infatti si presentano a causa di comportamenti viziati, come ad esempio le carie dentali.

La carie, dal latino caries, che significa «corrosione, putrefazione», è una malattia degenerativa dei tessuti duri del dente (smalto, dentina, cemento) ad eziologia batterica. Ha origine sulla superficie del dente e procede in profondità, coinvolgendo la polpa dentale mediante un processo infiammatorio. Se le carie dentali non sono curate prima che intacchino la polpa dentale, vi è la possibilità  di perdere un dente o di dover ricorrere alla procedure di devitalizzazione.

 

 

 

Perché si cariano i denti?

A cosa è dovuta la formazione di una carie? Molteplici possono essere i fattori che danno origine a una o più carie sui denti:

  1. La saliva: la saliva con il proprio Ph ha funzione antimicrobica e protettiva nei del cavo orale. L’alterazione dalla consistenza e del Ph della saliva causato, ad esempio dal reflusso gastrico, una gravida o momenti di stress posso rendere più facile l’instaurarsi di una carie;
  2. Caratteristiche naturali dei denti: la presenza di solchi interdentali accentuati favoriranno una maggiore presenza di residui alimentari che sono terreno fertile per lo sviluppo di una carie;
  3. La presenza di placca dentale: La placca dentale è una patina adesa alla superficie dei denti sulla quale si sviluppano i batteri. Se non rimossa con accuratezza si trasforma in tartaro. I batteri sono in grado di attaccarsi alla placca e proliferare liberamente sul dente;
  4. Cattive abitudini alimentari: un elevato consumo di alimenti zuccherini modifica il naturale equilibrio della saliva permettendo alle carie di proliferare facilmente.
  5. Cattive abitudini comportamentali: l’assenza o una trascurata igiene orale influisce negativamente sulla salute della nostra bocca. Procedere con un’attenta pulizia domestica almeno 3 volte al giorno e prenotare presso il proprio studio dentistico di fiducia almeno semestralmente una seduta di igiene è necessario per prevenire la formazione di carie. Anche il tabacco influisce negativamente sulle condizioni della nostra bocca: rovina lo smalto dei denti rendendoli gialli, riduce l’afflusso di sangue alle gengive e favorisce il proliferarsi delle carie.

 

 

 

I principali sintomi delle carie

 

Nello stadio iniziale può succedere che le carie siano asintomatiche e non sono sempre visibili. Le visite di controllo e l’esame accurato dello specialista, anche attraverso una panoramica, possono aiutare a individuare la patologia. In alcuni casi ci sono dei segnali che possono essere colti come ad esempio l’alitosi e l’ipersensibilità dentale localizzata, ma anche dolore durante la masticazione quando la carie che ha raggiunto la radice e il nervo.

 

Come si curano le carie?

Quando si presenta una carie è bene rivolgersi subito al proprio dentista per poter agire tempestivamente prima che diventi più estesa. Il trattamento più usato per la cura delle carie è l’otturazione, ovvero la pulizia e la sigillatura di tutte le fessure che i batteri delle carie hanno provocato al dente. Nei casi più gravi, quando il danno è esteso alla radice al nervo, è possibile ricorrere alla devitalizzazione. In questo caso si procede alla rimozione della polpa, a una pulizia profonda e se necessario all’applicazione di una corona.

La cura della carie non è dolorosa perché prima della procedura viene fatto un leggero anestetizzante locale. La procedura è veloce e consiste nel rimuovere la carie meccanicamente e sigillare le fessure tramite materiali compositi dello stesso colore dello smalto del dente. Successivamente si andrà a limare il materiale in eccesso al fine di ricreare tutti i solchi dentali e permettere una corretta occlusione.

 

È possibile prevenire le carie?

Si può prevenire la formazione delle carie attraverso una corretta igiene orale quotidiana. Per questo è importante lavarsi i denti almeno due volte al giorno. Sedute di igiene orale professionali e visite di controllo periodiche ogni 6/12 mesi sono essenziali per la salute della bocca. Inoltre è consigliabile procedere con la sigillatura dei solchi, una pratica che prevede l’applicazione di una resina protettiva sui denti per preservarli da agenti cariogeni.

 

Dott. Marco De Angelis

Dott. Marco De Angelis

Condividi questa News!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Per info
e prenotazioni